sabato 14 luglio 2007

Sei come la mia moto? Andiamo a farci un giro...

Girando per blog, ho notato diverse realtà completamente identiche.
Cosa intendo?
Bene, tanto per cominciare in ogni blog si parla degli stessi argomenti, si raccontano le stesse sensazioni, e si scrive più o meno tutti quanti nei blog dove vi sono numerosi adepti.
Le motivazioni sono varie ma si ricongiungono ad una sola. Si parla delle stesse sensazioni perché per quanto originali siano gli uomini sono tutti simili, più o meno paranoici, più o meno dotati di sense of humour.
Si parla degli stessi argomenti perché c' è l' idea solita del " cosa fa figo " e "cosa non lo fa", e allora, giù con video di youtube, via a parlare di quel ricordo o quell' altro, finché in un' unica giornata non si è parlato almeno in mille blog diversi della stessa cosa.
La tristezza, poi giunge ancor più pungente quando ti accorgi che sei stato letto ed è chiaro che è successo, perché leggi chiari riferimenti a ciò che hai scritto tu, nel loro blog, e ti accorgi di quanta attenzione viene prestata nell' ignorarti...
Perché scrivere tutti nei blog più conosciuti?
1) Sono i più interessanti ----> falso, solo a volte è così.
2) Puoi trovare i tuoi adepti in loro ----> vero, ma a meno che tu non parta già da una cerchia e allora sei OCCHEIII, solo allora sarai degno di attenzione.
3) Troverai adepti nelle loro cerchie di commentatori ----> centro! Questa è la motivazione principale.

Ecco perché io scrivo solo in pochissimi blog, perché non mi interessa raccogliere consensi, perché scrivo per fare un favore al mio spirito ingombrante, perché se avete ricevuto almeno un mio commento vuol dire che per me siete very clever, anche se a poco a poco mi sta passando pure l' entusiasmo di leggere in giro per blog, letto uno letti tutti.